Crea sito

Articles Comments

Basilicata mia » Colline materane, Cronaca, Economia, Infrastrutture, Metapontino, Turismo » Coppola: pronti investimenti sull’aviosuperficie di Pisticci

Coppola: pronti investimenti sull’aviosuperficie di Pisticci

Francis Ford Coppola, regista americano di origine bernaldasi, ha intenzione di insediare all’aviosuperficie di Pisticci Scalo un flight base operator, dal nome eloquente, Air Francis, e cioè un società che gestisca i servizi aeroportuali, favorendo anche collegamenti aerei con altri aeroporti. La condizione necessaria e sufficiente affinché Coppola investa nell’infrastruttura è l’allungamento della pista a 1800 metri. La pista Mattei è ora lunga 1400 metri, tra qualche mese verrà ultimato l’allungamento a 1600 metri, che comunque non bastano per rendere l’aviosuperficie un vero e proprio aeroporto capace di far atterrare aerei “veri e propri”, cioè quelli delle linee nazionali low cost e voli charter turistici, come desidera Coppola.

Il Consorzio industriale di Matera, proprietario dell’impianto, ha risposto positivamente alla proposte del regista americano. Ma restano aperte alcune questioni. I privati stanno dimostrando di desiderare una tale infrastruttura; la Regione Basilicata e la sua casta politica-burocrate no. A Potenza hanno fatto di tutto per bloccare lo sviluppo dell’aviosuperficie e il suo potenziamento. Se ci fosse stata la volontà, la pista già sarebbe lunga 1800 metri, ma dato che a Potenza si punta alla partnership con l’aeroporto di Salerno, di conseguenza la pista Mattei è stata declassata ad inutile distesa rettangolare di asfalto.

Dato che Coppola, e gli altri privati, non chiedono altro che l’allungamento della superficie e non strutture edili aggiuntive a quelle già presenti, propongo al Consorzio industriale di Matera di raccogliere fondi pubblici da subito per la realizzazione dell’allungamento di 200 metri. Se si avranno le porte sbarrate da tutte le istituzioni, propongo di creare una Spa, la cui maggioranza resta in mano al Consorzio e le restanti azioni vadano ai privati. Si potrebbero coinvolgere anche la Provincia di Matera e tutti i Comuni interessati all’infrastruttura, inserendoli nell’azionariato. Un ottimo modo per raccogliere fondi freschi dai privati e poter, facilmente e con meno oneri finanziari, richiedere finanziamenti alle banche. Il fine ultimo deve essere l’allungamento della pista a 1800 metri. Solo così si farà della pista Mattei un vero e proprio aeroporto, necessario per il turismo, per l’agricoltura, per l’artigianato e per tutta l’economia lucana.

Written by

Filed under: Colline materane, Cronaca, Economia, Infrastrutture, Metapontino, Turismo · Tags: , ,

Comments are closed.